richard serra

Le enormi sculture che alterano gli spazi di Richard Serra

Richard Serra, scultore statunitense, dagli anni 90 inizia a produrre strutture in metallo su vasta scala in tutto il mondo. Così è diventato particolarmente noto per i suoi archi monumentali, le spirali e le ellissi, che impegnano lo spettatore in un’esperienza alterata dello spazio.

Nel 2005 otto grandi opere di Serra sono state installate in modo permanente presso il Museo Guggenheim di Bilbao. 

The matter of time, 2005

The Matter of Time è un insieme di installazioni che condensando in una sola mostra 25 anni del lavoro dell’artista Richard Serra. Le installazioni sono state esposte in forma permanente nella sala più grande del Museo Guggenheim di Bilbao nel 2005. Alcune delle opere erano antecedenti, mentre altre sono state realizzate appositamente per quel luogo e quindi site-specific.

Questa disposizione nel museo consente allo spettatore di percepire l’evoluzione delle forme scolpite dell’artista, dalla sua doppia ellisse relativamente semplice alla spirale più complessa. 

richard serra, the matter of time

richard serra

richard serra, the matter of time

L’artista organizza intenzionalmente le opere per creare ambienti con effetti diversi a seconda dei movimenti e della percezione del visitatore che vi cammina all’interno. 

Inside Out, 2013

L’installazione è stata esposta alla Gagosian Gallery di New York. Si tratta di un’occasione eccezionale per sperimentare il sottile effetto della modifica dello spazio sui nostri sensi.

L’imponente installazione di acciaio, trasforma lo spazio della galleria fino ad un punto in cui non esiste un’immagine singola percepibile.

Fare una passeggiata all’interno della gigantesca scultura è come entrare in un labirinto in continuo mutamento.

Inside Out è innanzitutto una cosa tangibile e visibile: grandi lastre d’acciaio piegate l’una all’altra componendo ellissi e pareti curve. Tuttavia, è anche uno spazio senza precedenti che affronta il corpo e lo stato mentale dei visitatori.

Richard Serra, inside out, 2014

Richard Serra, inside out, 2014

Inside Out rientra nella fascia di sculture e installazioni pubbliche che producono sul visitatore dei sentimenti. Il dolore, la gioia, l’agitazione o il vuoto sono possibili sentimenti che si presentano quando si entra in questi spazi. Queste esperienze sono soggettive, in quanto si verificano spontaneamente in un dialogo silenzioso, intimo con l’opera d’arte.

Così i sentimenti che l’installazione provoca costituiscono volutamente parte dell’opera dell’artista.

La scultura crea intenzionalmente discrepanze tra l’ingresso e il vestibolo, con conseguente disallineamento sensoriale che porta al disorientamento spaziale. La nostra capacità naturale di mantenere il nostro corpo orientato in relazione all’ambiente circostante viene contestata da Richard Serra.

 La massa d’acciaio che contiene i visitatori è colossale e senza limiti. La sua scultura ci lascia sbalorditi, in soggezione e stupore.


Richard SERRA

Richard Serra

è un artista, scultore minimalista e video artista statunitense, conosciuto per la creazione di opere d’arte con il metallo. Ha fatto parte del movimento artistico del Process Art.

Nel 1966 Serra inizia a realizzare le prime sculture in materiali non tradizionali come la vetroresina e la gomma.

Dagli anni 70 inizia a sperimentare la video-arte.

Serra è stato onorato con mostre personali  al Musée National d’Art Moderne di Parigi nel 1984 e al Museo d’Arte Moderna di New York, nel 1986. Nel 1993 Serra fu eletto membro dell’Accademia Americana delle Arti e delle Scienze. 

Continua a produrre strutture in acciaio su vasta scala per siti in tutto il mondo ed è diventato particolarmente noto per i suoi archi monumentali, le spirali e le ellissi, che impegnano lo spettatore in un’esperienza alterata dello spazio.

 

Risorse

http://www.guggenheim.org/new-york/collections/collection-online/artwork/21794

https://mymagicalattic.blogspot.it/2014/01/sculptor-richard-serra.html